Tuscanio Rosso

2012

Tuscanio rosso 2012

DOCG Sangiovese Suvereto

 

La prima etichetta creata per la Bulichella portava il nome Tuscanio. Questo nome era stato pensato e scelto dalla Sig.ra Marisa ispirandosi al fatto che nel periodo rinascimentale la nostra regione si chiamava proprio Tuscania.
L’obbiettivo di questo vino è da sempre esprimere l’identità toscana, per questo motivo è da sempre un vino che ha come suo vitigno principale ed oggi unico il Sangiovese.
Per tanti anni è stato prodotto come DOC Val di Cornia sottozona Suvereto, dall’annata 2010 si fregia del collarino DOCG Suvereto.

Vitigni

Sangiovese

Scheda tecnica »

Clima e annata

Il 2011 è stata un’annata siccitosa, la mancanza d’acqua si è sentita già durante l’inverno, freddo e poco piovoso. L’estate caldissima e senza precipitazioni aveva fatto temere il peggio, soprattutto per il sangiovese che in questa zona soffre le grandi siccità. Per fortuna, alcune piogge tra fine agosto e inizio settembre, hanno poi dato un’ulteriore accelerazione alla maturazione che si è completata in modo uniforme con ottimi parametri sia aromatici che polifenolici.
La vendemmia si è svolta dal 10 e il 13 settembre.

Vigneti

La vigna selezionata per il Sangiovese dedicato al Tuscanio Rosso è il Sangiovese Lago. Una vigna di 28 anni, la più vecchia della tenuta, con terreno che comprende argilla e scheletro, in ottima esposizione solare e che, essendo la prima collina arrivando dal mare, accoglie giornalmente i venti marini.

Vinificazione e affinamento

La raccolta è avvenuta a mano in cassette da 15 kg ed i grappoli sono stati selezionati su un doppio tavolo di cernita prima e dopo la diraspatura e sottoposti al termine ad una pigiatura soffice. La fermentazione alcolica ha avuto luogo in tini di acciaio inox a temperature tra 20-28°C per una settimana alla quale è seguita la macerazione per una totale di circa 18 giorni. La fermentazione malolattica è iniziata nei tini di acciaio, ed è giunta a termine dopo il trasferimento in tonneau e barriques (60% nuove). Il vino è rimasto in barriques a temperatura controllata per un periodo di circa 15 mesi.
Dopo i primi 12 mesi è stato effettuato l’assemblaggio, il vino è stato poi ritravasato nelle barriques dove ha trascorso altri 3 mesi.

Prima dell’introduzione sul mercato il vino rimane in bottiglia per altri 12 mesi.

Note di degustazione

Fabrizio Caponi Chef e proprietario del Ristorante I’Ciocio di Suvereto
Si presenta con un colore rosso rubino intenso dalle sfumature violacee, al naso intensi aromi primari di frutta con note di prugna e violetta che si armonizzano con la vaniglia ed il cacao. Nel tempo tabacco, cuoio, terra di bosco. Il gusto pieno e sapido con tannini molto morbidi ed eleganti. Nel retrogusto spiccano note di liquerizia e cacao, esprime profondità nelle note di frutta a bacca rossa e tabacco conferendo lunghezza e persistenza in un finale elegante. Da abbinare a piatti di cacciagione.